scarica PDF Stampa l’articolo Segnala l’articolo

Restauro: Villa Torlonia a Roma sarà un nuovo polo di attrazione culturale e turistica

- di Redazione  -

5 giugno 2011

Il Teatro, la Serra e la Torre Moresca, le Catacombe ebraiche, le Scuderie Vecchie. Sono alcuni dei gioielli artistici custoditi all’interno di Villa Torlonia e oggetto di un’impegnativa opera di restauro che, una volta terminata, restituirà alla città un patrimonio artistico-architettonico di grande rilievo. Insieme con l’attiguo Museo della Shoah – il cui cantiere partirà nel 2012 – l’area è destinata a diventare un nuovo polo di attrazione culturale e turistica.
“Gli interventi di restauro del Teatro e della Serra Moresca sono due passaggi fondamentali per completare tutto il restauro di Villa Torlonia”, ha detto il sindaco Gianni Alemanno il 1° giugno nel corso di un sopralluogo ai cantieri.
“Si tratta di spazi versatili che offrono suggestioni impressionanti. Un vero e proprio centro culturale e artistico che potrà essere donato alla città. Un’opera di restauro incredibile che è partita da poche tracce e da poche elementi”.
Il Teatro, in ripristino dal 2004, ha rivelato un ciclo di affreschi di Costantino Brumidi, anch’essi restaurati. Brumidi, pittore e scultore romano di origini greche dopo aver partecipato alla Repubblica Romana del 1849 fu esiliato in America dove è diventato famoso per aver affrescato il Campidoglio a Washington.
I lavori di restauro del teatro, costati quasi 8 milioni e mezzo di euro, termineranno nel corso dell’estate consentendo così di avviare l’attività nello spazio restaurato entro la fine dell’anno.
Presenti al sopralluogo, insieme al Sindaco, l’assessore alle Politiche Culturali Dino Gasperini, il sovraintendente ai beni Culturali di Roma Capitale Umberto Broccoli e Alberta Campitelli, direttrice dell’Ufficio Ville e Parchi Storici.
Ed è proprio l’assessore alla cultura Dino Gasperini a delineare, durante il sopralluogo, la tabella di marcia dei lavori: ”Ci sono tempi diversi per rendere fruibile questo straordinario patrimonio; ad agosto termineranno i lavori strutturali del teatro e inizieranno quelli di allestimento, poi verrà messo a bando l’utilizzo di questo spazio che a fine anno potrà iniziare l’attività”. “A seguire – ha proseguito l’assessore – apriranno la Serra Moresca e le Catacombe ebraiche, le uniche esistenti su suolo pubblico”.

Tags: , , , ,

Lascia un Commento

I campi con * sono obbligatori. Il tuo indirizzo email non sarà reso pubblico!

In alternativa puoi commentare utilizzando il tuo profilo facebook cliccando sul relativo bottone

Connect with Facebook